In che modo la dimensione di genere si declina nella quotidianità dell’adolescente? In che misura per un/una diciassettenne il modo di esprimere i sentimenti, costruire le relazioni e osservare il mondo sociale è condizionato da modelli prescrittivi sui ruoli di genere? Il volume tenta di rispondere a questi interrogativi esaminando le voci di studenti e studentesse di scuole secondarie superiori dell’Emilia Romagna, che dialogando tra loro grazie alla tecnica del focus group applicata entro il contesto della classe, hanno messo a confronto rappresentazioni, punti di vista ed esperienze sull’essere femmine e maschi, oggi. La discussione in gruppo si presenta come un dispositivo di formidabile efficacia per conoscere i contenuti degli stereotipi di genere e i modi in cui sono applicati e ricostruiti socialmente, in famiglia, nelle relazioni amicali e sentimentali. Le opinioni prevalenti sul maschile e sul femminile che se ne ricavano si presentano spesso organizzate attorno a una logica binaria che tende a differenziare e contrapporre uomini e donne; le voci fuori dal coro sono presenti, benché minoritarie e più flebili: ambedue impongono una riflessione sulle strategie da adottare per far emergere visioni plurali e flessibili sui sessi e una cultura delle relazioni e dei diritti fondata sull’equilibrio tra differenze e uguaglianza.

Femmine e maschi nei discorsi tra compagni di classe. Il focus group nella ricerca sul genere in adolescenza.

ALBANESI, CINZIA;LORENZINI, STEFANIA
2011

Abstract

In che modo la dimensione di genere si declina nella quotidianità dell’adolescente? In che misura per un/una diciassettenne il modo di esprimere i sentimenti, costruire le relazioni e osservare il mondo sociale è condizionato da modelli prescrittivi sui ruoli di genere? Il volume tenta di rispondere a questi interrogativi esaminando le voci di studenti e studentesse di scuole secondarie superiori dell’Emilia Romagna, che dialogando tra loro grazie alla tecnica del focus group applicata entro il contesto della classe, hanno messo a confronto rappresentazioni, punti di vista ed esperienze sull’essere femmine e maschi, oggi. La discussione in gruppo si presenta come un dispositivo di formidabile efficacia per conoscere i contenuti degli stereotipi di genere e i modi in cui sono applicati e ricostruiti socialmente, in famiglia, nelle relazioni amicali e sentimentali. Le opinioni prevalenti sul maschile e sul femminile che se ne ricavano si presentano spesso organizzate attorno a una logica binaria che tende a differenziare e contrapporre uomini e donne; le voci fuori dal coro sono presenti, benché minoritarie e più flebili: ambedue impongono una riflessione sulle strategie da adottare per far emergere visioni plurali e flessibili sui sessi e una cultura delle relazioni e dei diritti fondata sull’equilibrio tra differenze e uguaglianza.
304
9788849135558
C. Albanesi; S. Lorenzini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/107385
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact