Nuovo protagonismo delle istanze particolari e necessità di una visione universale. Considerazioni di un canonista