«Una faticosa forma di ozio»: Anna Achmatova e la traduzione letteraria