Il volume ricostruisce una tappa significativa della ricezione del Concilio Vaticano II e dell'evoluzione della pastorale del clero curato nel contado bolognese: l'attività pastorale e di magistero spirituale di un prete bolognese, don Tonino Pullega, e lo sviluppo di nuove forme di catechesi e di liturgia e di nuove strutture ed attività pastorali (come i Consigli pastorali parrocchiali e vicariali) e caritative. Un ampio spazio è dedicato alla documentazione (omelie, pagine di diario di don Pullega, pagine del bollettino parrocchiale e vicariale, testimonianze), che viene inquadrata nel suo contesto storico-ecclesiale ed analizzata in modo puntuale. Pur trattandosi di una pubblicazione a carattere divuulgativo, va segnalato il fatto che si tratta di uno dei primi lavori storiografici dedicati alla ricezione del Concilio Vaticano II in un'area non urbana e alle trasformazioni del tessuto parrocchiale e delle modalità della pastorale da essa sollecitate, nonché al ruolo di gruppi laicali che accompagnarono il lavoro dei parroci più sensibili come don Pullega) alle nuove sollecitazioni, nel quadro di un processo di crescente secolarizzazione della società (anche rurale).

Oltre la storia oltre la memoria. Esperienze pastorali del dopo Concilio a S. Antonio della Quaderna e nel Vicariato di Budrio negli anni del ministero di don Tonino Pullega,

SAVIGNI, RAFFAELE
2011

Abstract

Il volume ricostruisce una tappa significativa della ricezione del Concilio Vaticano II e dell'evoluzione della pastorale del clero curato nel contado bolognese: l'attività pastorale e di magistero spirituale di un prete bolognese, don Tonino Pullega, e lo sviluppo di nuove forme di catechesi e di liturgia e di nuove strutture ed attività pastorali (come i Consigli pastorali parrocchiali e vicariali) e caritative. Un ampio spazio è dedicato alla documentazione (omelie, pagine di diario di don Pullega, pagine del bollettino parrocchiale e vicariale, testimonianze), che viene inquadrata nel suo contesto storico-ecclesiale ed analizzata in modo puntuale. Pur trattandosi di una pubblicazione a carattere divuulgativo, va segnalato il fatto che si tratta di uno dei primi lavori storiografici dedicati alla ricezione del Concilio Vaticano II in un'area non urbana e alle trasformazioni del tessuto parrocchiale e delle modalità della pastorale da essa sollecitate, nonché al ruolo di gruppi laicali che accompagnarono il lavoro dei parroci più sensibili come don Pullega) alle nuove sollecitazioni, nel quadro di un processo di crescente secolarizzazione della società (anche rurale).
350
9788889386422
Grazia Cazzola; Roberto Cazzola; Raffaele savigni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/106615
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact