Monsignor Prospero Lambertini e il sindacato Lotti