Di Bruno D'Amore, di un monoide, e della trasmissione del sapere