"Si direbbe che ciò che chiamiamo immagine sia, per un istante, l’effetto prodotto dal linguaggio nel suo brusco assordamento. Sapere questo significherebbe sapere che, in critica estetica come in psicoanalisi, l’immagine è arresto sul linguaggio, l’istante d’abisso della parola" (P. Fédida). Georges Didi-Huberman in questi Gesti d’aria e di pietra, quasi in un kadish, Georges Didi- Huberman prende commiato da Pierre Fédida (1934-2002), proseguendo in absentia un dialogo iniziato molti anni or sono.

Gesti d'aria e di pietra. Corpo, parola, soffio, immagine

TARTARINI, CHIARA
2006

Abstract

"Si direbbe che ciò che chiamiamo immagine sia, per un istante, l’effetto prodotto dal linguaggio nel suo brusco assordamento. Sapere questo significherebbe sapere che, in critica estetica come in psicoanalisi, l’immagine è arresto sul linguaggio, l’istante d’abisso della parola" (P. Fédida). Georges Didi-Huberman in questi Gesti d’aria e di pietra, quasi in un kadish, Georges Didi- Huberman prende commiato da Pierre Fédida (1934-2002), proseguendo in absentia un dialogo iniziato molti anni or sono.
8881034239
Georges Didi-Huberman
Gestes d'air et de pierre
C. Tartarini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/105246
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact