Il llibro, scritto nella tradizione dell'erudizione libertina, cerca le tracce di un certo sapere fondato sui "sensi". In una sequenza di disgressioni apparentemente casuali, creando un contesto di suggestioni tra un tema e l'altro, si snoda, dalla statua di marmo di Condillac alle cere della Specola di Firenze, dal clavicembalo di Diderot a un sexy-shop di Rue Saint-Denis, da un'incisione di Rembrandt a un quadro di Vermeer. Si tratta di incontr tratteggiati come en passant, su una scia luminosa. Ma si tratta anche di un romanzo di formazione, dove l'autore ritrova un'identità e un nome.

Breve trattato delle sensazioni

TARTARINI, CHIARA;
2008

Abstract

Il llibro, scritto nella tradizione dell'erudizione libertina, cerca le tracce di un certo sapere fondato sui "sensi". In una sequenza di disgressioni apparentemente casuali, creando un contesto di suggestioni tra un tema e l'altro, si snoda, dalla statua di marmo di Condillac alle cere della Specola di Firenze, dal clavicembalo di Diderot a un sexy-shop di Rue Saint-Denis, da un'incisione di Rembrandt a un quadro di Vermeer. Si tratta di incontr tratteggiati come en passant, su una scia luminosa. Ma si tratta anche di un romanzo di formazione, dove l'autore ritrova un'identità e un nome.
9788881031979
Jean Clair
Court traité des sensations
C. Tartarini; A. Serra
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/105229
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact