Il saggio riconsidera la funzione odierna del paesaggio come patrimonio nazionale ripercorrendo l'evoluzione e l'uso del concetto: dalla sua originaria valenza estetica, alla sua adozione come concetto scientifico, all'odierna inflazione nei media a fronte della situazione di abbandono o sistematico saccheggio cui il territorio italiano è sottoposto da tempo. Viene proposto un approccio che tenta di evitare i pericoli sia della conservazione nostalgica sia dello sfruttamento indiscriminato.

Il paesaggio fuori e dentro i musei. La scultura del paesaggio

NEVE, MARIO ANGELO
2011

Abstract

Il saggio riconsidera la funzione odierna del paesaggio come patrimonio nazionale ripercorrendo l'evoluzione e l'uso del concetto: dalla sua originaria valenza estetica, alla sua adozione come concetto scientifico, all'odierna inflazione nei media a fronte della situazione di abbandono o sistematico saccheggio cui il territorio italiano è sottoposto da tempo. Viene proposto un approccio che tenta di evitare i pericoli sia della conservazione nostalgica sia dello sfruttamento indiscriminato.
Musei e paesaggio. Da tema di ricerca a prospettiva d’impegno
35
49
M. NEVE
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/104496
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact