Dal castrato al contralto: ipotesi sulla "voce doppia"