Carlo Prosperi: dai "Lirici greci" a Montale, a Hölderlin