Alessandro Schiavi, Carlo Rosselli e le tradizioni del socialismo