Alessandro Schiavi è una figura di intellettuale-politico riformista di cui oggi vorremmo avere più esemplari. Come mostra la grave crisi della sinistra italiana di questi giorni, è cosa vana ripetere di essere «riformisti», se poi il termine si rivela svuotato, incapace di agganciarsi a una tradizione di cultura politica, a una storia, o forse sarebbe meglio dire a più storie. Il lungo percorso biografico di Schiavi ci porta a recuperare la vicenda profonda della sinistra italiana ed europea, i tanti filoni di pensiero e di azione sociale che l’animavano nell’800 e nei decenni a cavallo del 1900, rendendola un universo plurale, prima che la rivoluzione d’Ottobre e l’avvento dei fascismi, ne scompaginassero le fila. In questo quadro, il saggio rintraccia il rapporto tra Alessandro Schiavi e Carlo Rosselli nel solco della tradizione riformista milanese, partendo dal fallito tentativo di costituire, nel 1925, un centro studi intitolato a Giacomo Matteotti. L’iniziativa aveva affiancato l’attività dell’Università proletaria di Milano, che trovava in Schiavi il principale animatore, accanto a giovani intellettuali che negli anni successivi avrebbero fatto scelte molto diverse fra loro.

Alessandro Schiavi, Carlo Rosselli e le tradizioni del socialismo

DE MARIA, CARLO
2010

Abstract

Alessandro Schiavi è una figura di intellettuale-politico riformista di cui oggi vorremmo avere più esemplari. Come mostra la grave crisi della sinistra italiana di questi giorni, è cosa vana ripetere di essere «riformisti», se poi il termine si rivela svuotato, incapace di agganciarsi a una tradizione di cultura politica, a una storia, o forse sarebbe meglio dire a più storie. Il lungo percorso biografico di Schiavi ci porta a recuperare la vicenda profonda della sinistra italiana ed europea, i tanti filoni di pensiero e di azione sociale che l’animavano nell’800 e nei decenni a cavallo del 1900, rendendola un universo plurale, prima che la rivoluzione d’Ottobre e l’avvento dei fascismi, ne scompaginassero le fila. In questo quadro, il saggio rintraccia il rapporto tra Alessandro Schiavi e Carlo Rosselli nel solco della tradizione riformista milanese, partendo dal fallito tentativo di costituire, nel 1925, un centro studi intitolato a Giacomo Matteotti. L’iniziativa aveva affiancato l’attività dell’Università proletaria di Milano, che trovava in Schiavi il principale animatore, accanto a giovani intellettuali che negli anni successivi avrebbero fatto scelte molto diverse fra loro.
Carlo Rosselli: gli anni della formazione e Milano. Atti della giornata di studi. Milano, 26 settembre 2007, Università Commerciale Luigi Bocconi
195
210
De Maria C.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/104021
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact