Italia: dal pluralismo polarizzato all’ alternanza «esagerata»