Considerato un capolavoro al catalogo di Gaetano Gandolfi dal Volpe che la rese nota (1979), l'opera si pone oggi, alla luce di quanto possibile affermare in ragione di ricerche documentarie e della ricostruzione di una catena di indizi, quale tessera importante per la ricostruzione dei rapporti tra la Russia di Caterina II e l'Italia, segnatamente la scuola bolognese, molti artisti della quale si trasferirono o operarono per tempi non brevi per la corte della sovrana. Il dipinto è il bozzetto per una magnifica tela che fu commissionata all'artista bolognese dal principe Nicolaj Borisovich Yusupov, che realizzò quella che è considerata una delle collezioni più importanti d'Europa; Accademico d'onore della bolognese accademia d'arte, volle più dipinti del pittore bolognese, uno dei quali fu a pendant con altro del Batoni, a riprova di una attenzione per la cultura pittorica fondata sul tramando ai grandi precedenti classicisti del passato, da Raffaello ai Carracci, e tale da porsi a modello in Europa per verità d'invenzione e eleganza.

Gaetano Gandolfi, The Birth of Venus

BIAGI, DONATELLA
2010

Abstract

Considerato un capolavoro al catalogo di Gaetano Gandolfi dal Volpe che la rese nota (1979), l'opera si pone oggi, alla luce di quanto possibile affermare in ragione di ricerche documentarie e della ricostruzione di una catena di indizi, quale tessera importante per la ricostruzione dei rapporti tra la Russia di Caterina II e l'Italia, segnatamente la scuola bolognese, molti artisti della quale si trasferirono o operarono per tempi non brevi per la corte della sovrana. Il dipinto è il bozzetto per una magnifica tela che fu commissionata all'artista bolognese dal principe Nicolaj Borisovich Yusupov, che realizzò quella che è considerata una delle collezioni più importanti d'Europa; Accademico d'onore della bolognese accademia d'arte, volle più dipinti del pittore bolognese, uno dei quali fu a pendant con altro del Batoni, a riprova di una attenzione per la cultura pittorica fondata sul tramando ai grandi precedenti classicisti del passato, da Raffaello ai Carracci, e tale da porsi a modello in Europa per verità d'invenzione e eleganza.
A History of Taste. Collecting French & Italian Old Mastyer Paintings for America
70
73
D. Biagi Maino
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/100998
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact