Rileggendo Hannah Arendt: il nesso logico-storico fra antisemitismo e totalitarismo