Descrizione L’invenzione, partendo da fibre tessili di varie tipologie, permette di conferire alle fibre capacità conduttive, mantenendo inalterate le caratteristiche fisiche (spessore, robustezza, elasticità, adattabilità, ecc…) e di confort. In particolare, la fibra, preferibilmente naturale (ad es. cotone), viene trattata depositando lungo il filo, secondo una geometria precisa, prima uno strato di nanoparticelle metalliche e poi uno strato sottile di polimero conduttore. Dalla combinazione di questi strati di materiali differenti, si ottiene un transistor in forma tessile, che permette di regolare il flusso della corrente tra due elettrodi attraverso una tensione applicata ad un terzo elettrodo. Ulteriori trattamenti descritti nell’invenzione, inoltre, contribuiscono ad aumentare la conducibilità del materiale e a renderlo idrofobo. I transistor così ottenuti si presentano come semplici fili di cotone e possono essere collegati tra loro o ad altre componenti in cotone, tramite semplici nodi o processi di tessitura normalmente utilizzati per il cotone. Il filo conduttore, infatti, risulta del tutto simile ad un filo normale per quanto riguarda le caratteristiche fisiche e la capacità di essere tessuto. In particolare, la fibra conduttiva così ottenuta può essere usata come gate (porta), source (sorgente) o drain (pozzo) di un transistor. Alcuni esempi di varie tipologie di transistor sono stati realizzati con la fibra conduttiva oggetto dell’invenzione. A partire da tali transistor, è possibile poi realizzare circuiti di qualunque complessità e funzione, includendo anche la possibilità di impiegare dispositivi attivi per realizzare sensori di variabili fisiche e chimiche. L’invenzione ha uno spettro molto ampio di possibili applicazioni, tra le quali, solo per citarne alcune, l’integrazione dei dispositivi elettronici in una zona determinata di un capo di abbigliamento, ad esempio una tasca per farla diventare un lettore per ascoltare musica, una patch sulla spalla per misurare la temperatura o sul polso per misurare il battito cardiaco.

Conducting fibers materials

FRABONI, BEATRICE;
2011

Abstract

Descrizione L’invenzione, partendo da fibre tessili di varie tipologie, permette di conferire alle fibre capacità conduttive, mantenendo inalterate le caratteristiche fisiche (spessore, robustezza, elasticità, adattabilità, ecc…) e di confort. In particolare, la fibra, preferibilmente naturale (ad es. cotone), viene trattata depositando lungo il filo, secondo una geometria precisa, prima uno strato di nanoparticelle metalliche e poi uno strato sottile di polimero conduttore. Dalla combinazione di questi strati di materiali differenti, si ottiene un transistor in forma tessile, che permette di regolare il flusso della corrente tra due elettrodi attraverso una tensione applicata ad un terzo elettrodo. Ulteriori trattamenti descritti nell’invenzione, inoltre, contribuiscono ad aumentare la conducibilità del materiale e a renderlo idrofobo. I transistor così ottenuti si presentano come semplici fili di cotone e possono essere collegati tra loro o ad altre componenti in cotone, tramite semplici nodi o processi di tessitura normalmente utilizzati per il cotone. Il filo conduttore, infatti, risulta del tutto simile ad un filo normale per quanto riguarda le caratteristiche fisiche e la capacità di essere tessuto. In particolare, la fibra conduttiva così ottenuta può essere usata come gate (porta), source (sorgente) o drain (pozzo) di un transistor. Alcuni esempi di varie tipologie di transistor sono stati realizzati con la fibra conduttiva oggetto dell’invenzione. A partire da tali transistor, è possibile poi realizzare circuiti di qualunque complessità e funzione, includendo anche la possibilità di impiegare dispositivi attivi per realizzare sensori di variabili fisiche e chimiche. L’invenzione ha uno spettro molto ampio di possibili applicazioni, tra le quali, solo per citarne alcune, l’integrazione dei dispositivi elettronici in una zona determinata di un capo di abbigliamento, ad esempio una tasca per farla diventare un lettore per ascoltare musica, una patch sulla spalla per misurare la temperatura o sul polso per misurare il battito cardiaco.
2011
domanda internazionale num 20116144974
B.Fraboni; A.Bonfiglio
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/110795
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact