Biagio Rossetti nella storiografia tra Ottocento e primo Novecento