Carlo Cesare Malvasia e il Guercino: una (reciproca) antipatia?