E’ necessaria una presa in carico genere-specifica nel diabete?