Angelo Maria Ripellino e il “suo” «Lenin» di Majakovskij