Il pubblico della lirica: consumo di cultura o cultura di consumo?