Non esiste più, a partire dalla fine degli anni Novanta del Novecento, soltanto il tipo della cantina vinicola, con la vendita e conservazione del vino, affidato alle uniche regole termiche e igrometriche dei locali, al dispositivo della lavorazione dell’uva e della fermentazione del vino, alle consuetudini edili ed economiche per delle risposte immediate e logiche alla sua costruzione. Ogni “tipo” perde autorità formale e identità storica dopo la crisi del Post-Modern, per rinascere trasfigurato nella sua sostanza espressiva, in sembianze inedite, imponendosi, nel caso delle cantine vinicole, quali nuove forme di arte immerse nei paesaggi delle campagne, dagli Stati Uniti all’Europa. Così quella che era una nuova costruzione, sovente anonima, annessa alle proprietà storiche, ora diventa il pretesto per la creazione di un’opera eccezionale, che diviene quasi l’etichetta visibile nel paesaggio agreste di un produttore di vino. Nasce un genere di opera d’autore, dalla serie limitata, e di cui vengono incaricati gli studi professionali più in vista, in modo da garantire non solo una costruzione funzionale, ma anche una architettura in grado di diventare lei stessa oggetto di pellegrinaggio di un turismo agricolo ed enologico

Cantine vinicole d’autore, dalle finzioni del Post-Modern all’essenzialità della costruzione economica

ROSELLINI, ANNA
2017

Abstract

Non esiste più, a partire dalla fine degli anni Novanta del Novecento, soltanto il tipo della cantina vinicola, con la vendita e conservazione del vino, affidato alle uniche regole termiche e igrometriche dei locali, al dispositivo della lavorazione dell’uva e della fermentazione del vino, alle consuetudini edili ed economiche per delle risposte immediate e logiche alla sua costruzione. Ogni “tipo” perde autorità formale e identità storica dopo la crisi del Post-Modern, per rinascere trasfigurato nella sua sostanza espressiva, in sembianze inedite, imponendosi, nel caso delle cantine vinicole, quali nuove forme di arte immerse nei paesaggi delle campagne, dagli Stati Uniti all’Europa. Così quella che era una nuova costruzione, sovente anonima, annessa alle proprietà storiche, ora diventa il pretesto per la creazione di un’opera eccezionale, che diviene quasi l’etichetta visibile nel paesaggio agreste di un produttore di vino. Nasce un genere di opera d’autore, dalla serie limitata, e di cui vengono incaricati gli studi professionali più in vista, in modo da garantire non solo una costruzione funzionale, ma anche una architettura in grado di diventare lei stessa oggetto di pellegrinaggio di un turismo agricolo ed enologico
Le Arti e il Cibo. Modalità ed esempi di un rapporto. Encore
67
90
Rosellini, Anna
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/567513
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact